sabato 29 dicembre 2012

Utile per qualche programma di futuro governo serio:È vero che gli inceneritori fanno male?Perché in Italia si continuano a costruire questi impianti mentre nel resto del mondo si stanno smantellando?

Sporchi da morire  ci farà riflettere su un problema non solo nostro ma soprattutto dei nostri figli legato alle invisibili nanoparticelle da molti indicate come il più pericoloso strumento d'inquinamento del presente e del prossimo futuro.



http://www.sporchidamorire.com/doc/

venerdì 21 dicembre 2012

Don Gallo canta"Bella Ciao" come impegno alla resistenza a tutte le ingiustizie sociali.

Il giorno 8 dicembre 2012 al termine di una Messa straordinariamente sentita e partecipata per il 42° anniversario della comunità di San Benedetto e per ricordare Domenico Cataldi, improvvisamente mancato, si è intonata la canzone partigiana


mercoledì 19 dicembre 2012

Quando si specula anche sui ...datteri palestinesi,alla Coop.


Gli spedizionieri israeliani esportano i datteri palestinesi  perché solo loro possono farlo: ai palestinesi non è concesso, nessuna sovranità non solo sui propri confini, neppure per importare o esportare merce. Devono per costrizione dell’occupazione militare passare attraverso un esportatore israeliano...
 ...Per capirci, sulla scatola voi scrivete: Ingredienti: datteri medjoul. Provenienza: Oasi di Gerico – Territori Palestinesi – Israele. Era così difficile scrivere Palestina? Israele non c’entra, o meglio, non dovrebbe entrarci. Specialmente adesso che la Palestina è stata riconosciuta a livello mondiale come Stato – osservatore, ma pur sempre Stato – almeno noi che ci crediamo non facciamoci del male da soli!
 Nella speranza di poter avviare future collaborazioni, un augurio di buon lavoro.
 Associazione perla Pace – Assopacepalestina


 http://www.assopacepalestina.org/2012/12/lettera-a-coopitalia-per-datteri-palestinesi-di-gerico/


martedì 11 dicembre 2012

Un anno fa' cominciava il Governo Monti e Giulietto Chiesa....prevedeva il fallimento...e il bluff del debito pubblico!...partendo dai bond greci...

...per comprarsi l'Europa a quattro soldi!

....e l'Italia sta molto meglio di Francia,Inghilterra ...


lunedì 10 dicembre 2012

Doha: porta di entrata per un futuro infernale.



 
Francesco Martone (*Sinistra Ecologia Libertà ), Alberto Zoratti (**Fairwatch)


Alla fine ce l'hanno fatta. Dopo una serie di colpi di scena è stato approvato a colpi d'ariete della presidenza qatariota e sul filo del rasoio (nonostante la resistenza in zona Cesarini della Russia) il “Doha Climate Gateway”. Una porta di entrata per il futuro con l'estensione del protocollo di Kyoto il
riconoscimento del risarcimento per danni causati dai cambiamenti climatici e l'impegno dei paesi industrializzati di stanziare per lo meno una somma pari alla media di quanto sborsato in aiuti climatici negli ultimi 3 anni. Una proposta di minima visto che troppi erano i gap da colmare. E' uno dei tanti paradossi di questa Conferenza delle Parti sui mutamenti climatici che è conclusa sul filo del precipizio a Doha, città simbolo di opulenza, immenso cantiere a cielo aperto, sede un incontro che all'inizio si annunciava come un appuntamento di transizione. Così non è stato. Le ultime fasi del negoziato del livello “ministeriale” si sono protratte ben oltre i tempi previsti, tra mancanza di volontà politica di ridurre drasticamente le emissioni di gas serra, (Stati Uniti in particolare) e richieste insoddisfatte di un aumento dei fondi per sostenere i paesi in via di sviluppo o rapida industrializzazione verso un'economia a basso contenuto di carbonio, – la Cina nello specifico, ma non solo. Ed un ultimo colpo basso della Polonia con dietro le spalle Russia ed Ucraina intenzionate a proteggere il loro diritto di vendere alte quote di permessi di emissione fino al 2020, anche se ciò avrebbe portato al fallimento totale della Conferenza. Così nella “land of plenty” del Qatar, l' occasione per l'Emiro Hamad bin Khalifa al Thani di proporsi al mondo come paladino dell'ambiente rischiava di sfumare per una questione di quattrini, e per manifesta incapacità dei suoi diplomatici. Se non fosse bastata la condanna all'ergastolo per Mohammed al-Ajami, un poeta giudicato colpevole di "sovversione del sistema di governo" e "offesa all'emiro" per una sua poesia dedicata alla “Tunisia dei gelsomini”. Anche qui a Doha si riverberano gli effetti della “crisi” finanziaria in Europa, che a Durban aveva messo assieme paesi poveri ed insulari salvando il negoziato , e che poco dopo, vista l'incapacità di tener fede alle promesse di aiuti finanziari, ha visto indebolirsi il suo potere di trattativa. La morsa del Fiscal Compact, e delle politiche di austerità sostenute dalla BuBa e dalla Cancelliera Angela Merkel stanno così avendo un effetto devastante anche sul profilo internazionale dell'Unione già compromesso dalla posizione oltranzista di Varsavia. A Doha c'era da concludere il Piano di Azione di Bali su temi quali adattamento, mitigazione, foreste, trasferimenti di tecnologie, finanziamenti, strumenti di attuazione, il prossimo regime di riduzione delle emissioni globali. Si è faticato fino all'ultimo secondo per poter passare la palla al gruppo di lavoro creato a Durban che dovrà trattare un accordo globale vincolante per tutti entro il 2015, per entrare in vigore nel 2020. Fumo negli occhi di Todd Stern, negoziatore di Washington. Un passo in avanti però c'è stato, si riconosce per la prima volta il diritto dei paesi insulari al risarcimento per le “perdite e danni”” per i danni subiti a causa dei cambiamenti climatici. Fino all'ultimo è rimasta aperta la questione finanziaria, ovvero come reperire quel che resta dei 30 miliardi di dollari promessi a Copenhagen per il 2010-2012, e arrivare ai 100 miliardi l'anno entro il 2020. A poco è servito che l'Inghilterra annunciasse lo stanziamento di 2,2 miliardi di dollari, seguito a ruota da altri paesi europei, (Germania, Francia, Olanda, Svezia, Svizzera e UE) per un totale di 6,85 miliardi di dollari per i prossimi due anni, un' aumento rispetto al biennio 2011-2012. Inoltre i paesi donatori chiedevano di verificare come quei soldi verranno spesi nei paesi in via di sviluppo, questi ultimi chiedono invece che si faccia un verifica degli impegni di spesa dei primi. L'onda lunga di questo gioco al rimpiattino si è fatta sentire anche nel negoziato sulle foreste, che ha prodotto un risultato inferiore alle aspettative. Se ciò non bastasse. nonostante le decine di morti causate nelle Filippine dal tifone Bopha, i governi non sono riusciti ad accordarsi su come colmare quel differenziale di 6-15 gigaton di emissioni che marcano l’inadeguatezza degli attuali impegni di riduzione. O il cosiddetto “ambition deficit”, ossia il differenziale tra la percentuale attuale delle riduzioni di emissioni: 11-16% attuali rispetto a quelle necessarie entro il 2020, ovvero il 25-40% sui livelli di emissione del 1990. Temi che riemergeranno con virulenza nei prossimi anni. La COP18 riesce nonostante tutto a rimettere faticosamente in carreggiata il Protocollo di Kyoto confermando il "Second commitment period" cioè il secondo periodo di impegni di taglio delle emissioni di gas climalteranti che i Paesi industrializzati avrebbero dovuto assumersi dopo il 2012. Un obiettivo di basso profilo, visti i molti tentativi di far deragliare l'unico Protocollo realmente vincolante assieme a quello di Montreal. Dal 1 gennaio 2013 inizierà Kyoto 2, ma vedrà li paesi parecipanti, quali Unione Europea, la Svizzera, l'Australia e la Norvegia rappresentano solo il 15% delle emissioni globali. La loro adesione a Kyoto, gli permetterà di consolidare il mercato del carbonio (come il sistema ETS europeo o quello australiano, che nei prossimi anni andranno a convergere) , uno dei meccanismi flessibili di Kyoto particolarmente voluto dai Paesi industrializzati, perchè permette una mitigazione a basso costo. Il rimanente 85% delle emissioni, provenienti da Stati Uniti (con 17 tonnellate e passa procapite all'anno di CO2) e Cina (con poco più di 7 tonnellate procapite allo stesso livello dell'UE) verranno gestite all'interno del percorso negoziale nato a Durban un anno fa, verso un regime non vincolante ma di "pledge and review", impegni volontari da verificare collettivamente. Kyoto 2, sebbene rimanga in piedi legalmente, dovrà essere riempito di significato, di numeri e di percentuali. La rigidità di Stati Uniti, che non hanno mai ratificato Kyoto, del Giappone o del Canada, che dal Protocollo è uscito un anno fa a causa degli interessi economici ingenti legati alle sabbie bituminose in Alberta ed al loro sfruttamento, è stato uno degli elementi di blocco di un negoziato che, secondo le regole mutualmente decise nel corso degli anni, sarebbe dovuto arrivare naturalmente ad adottare un regime vincolante. D'altra parte la Cina, che nasconde dietro al gruppo del G77 i suoi interessi di potenza mondiale ormai emersa, non accetta alcun vincolo multilaterale che metta in discussione il suo sviluppo impetuoso ancora fondato sullo sfruttamento del carbone e del nucleare. Kyoto è necessario, ma non è assolutamente sufficiente. Non lo era prima, tanto meno lo sarà oggi. Il picco di emissioni di C02, dice il Panel di scienziati dell'IPCC, dovrà essere raggiunto nel 2015 per poi decrescere. Questo poter sperare di far rimanere la concentrazione di C02 sotto i 450 ppm e l'aumento della temperatura media globale sotto i 2°C, che però può significare +4°C - +6°C in altre parti del mondo, basti pensare all'Africa subsahariana che rischia di perdere in pochi anni buona parte dei suoi raccolti agricoli (con buona pace della sovranità alimentare) e alla Groenlandia, che ha visto scomparire quasi del tutto la sua calotta glaciale durante l'ultima estate boreale. Cosa che, ironia della sorte renderebbe assai meno costoso lo sfruttamento delle proprie risorse petrolifere. La prossima Conferenza delle Parti che si terrà a Varsavia lascia poche speranze, vista l'ostinazione con la quale la Polonia ha cercato di affossare il protocollo di Kyoto e con esso tutto il negoziato. In molti stanno già guardando alla COP20 che si terrà a Parigi, quando - si spera - l'Europa avrà un'altra guida ed altre ambizioni. 

...e questi prendono il Nobel per la pace..a nome di 500 milioni di europei allo sbaraglio!

venerdì 7 dicembre 2012

Se ti uccido e ti seppellisco qui nessuno lo saprà mai!Il dopo Gheddafi ...grazie ai liberatori europei e CIA...

Magdulien AbaidaQuando le sollevazioni cominciarono in Libia nel febbraio 2011, Magdulien organizzava i rifornimenti di cibo e medicinali per i ribelli e andò a cercare alleanze contro il regime in Egitto e a Parigi. Non appena Tripoli, la sua città, fu sotto il controllo dei ribelli nell’agosto successivo, la giovane vi tornò per far campagna sui diritti delle donne, in particolare per assicurarsi che vi fosse eguaglianza nella Costituzione che sarebbe stata scritta. Come altre attiviste, era preoccupata dalla crescente influenza dei fondamentalisti islamici, e come loro restò orripilata quando nell’ottobre 2011 Mustafa Abdul, il capo del Consiglio transizionale nazionale, usò il suo primo discorso pubblico dopo la caduta di Gheddafi per proporre di facilitare agli uomini la possibilità di avere più di una moglie. “Fu un grande shock per noi. Non era per questo che avevamo fatto la rivoluzione, non perché gli uomini potessero sposare quattro donne. Volevamo più diritti, non la distruzione dei diritti di metà della società.”
 http://lunanuvola.wordpress.com/2012/12/07/se-ti-uccido-nessuno-lo-sapra/

Una Troika italiana...alla greca!Ride bene chi ride ultimo e... la Grecia insegna.

martedì 4 dicembre 2012

domenica 2 dicembre 2012

anche se la corsa di Matteo e' finita,meglio riflettere,non si sa mai!

da namir.itLE VENTI BUGIE DI RENZI
questa mattina ho visto la pagina di face di RENZI sulla quale pubblicava i 20 punti per i quali bisogna votarlo. 20 bugie belle e buone che molti purtroppo anche del PD si stanno bevendo. intendo dare una risposta vera e storica.
1) Noi vogliamo abolire il finanziamento pubblico ai partiti. Loro no. Hanno giustificazioni nobili e risalgono persino a Pericle. Poi però votano con Fiorito l'aumento dei fondi in Regione Lazio. E presentano disegni di legge con Sposetti per aumentare il contributo alle fondazioni.
RISULTA CHE I SOLDI RACCOLTI NELL'ULTIMA CENA CON I FINANZIERI 250 MILA EURO... ERANO PER LA TUA FONDAZIONE RENZI... QUINDI PARLI DELLE FONDAZIONI ALTRUI E TE FAI LO STESSO.
2) Noi abbiamo la vocazione maggioritaria. Loro hanno la vocazione minoritaria. E allora va bene chiunque, da Diliberto fino a Casini. Però poi non si governa. E la triste fine dell'Unione lo dimostra.
L'UNIONE SI SFASCIO' PER ALTRI OVVI MOTIVI CHE NATURALMENTE DA POPULISTA NON ELENCHI... COMUNQUE UNA COSA E' UNIRE... DALLA SINISTRA AL CENTRO SINISTRA O CENTRO... ALTRA COSA RACCATTARE LA DESTRA POPULISTA... SEI NEL LUOGO SBAGLIATO LA STORIA DEL PD NASCE DA QUELLA DEL PCI... TI DICE QUALCOSA ?
3) Noi abbiamo rispettato tutte le regole. E le pagine a pagamento comprate non erano per Renzi, ma per invitare al ballottaggio. Loro hanno scritto tutte le regole, ma si sono dimenticate di rispettarle. Dai manifesti di Roma agli annunci su La Stampa con scritto "Vota Bersani" Bisognerebbe diffidare dei moralisti senza morale.
NON E' ASSOLUTAMENTE VERO … NELLE TUE EMAIL E NEI TUOI MANIFESTI C'ERA SCRITTO... ANDATE E CHIEDETE DI VOTARE... QUANDO LE REGOLE SONO CHE SI PUO' VOTARE AL BALLOTAGGIO SOLO DIMOSTRANDO DI AVER VOTATO... QUINDI SEI TE SENZA MORALE.
4) Noi non abbiamo vitalizi, perché il vitalizio è la morte della dignità della politica. Loro sì. Hanno i vitalizi. E li cumulano tra quelli regionali e quelli parlamentari.
PER TOGLIERE I VITALIZI INTANTO DEVI PRIMA VINCERE LE ELEZIONI E POI UNA VOLTA AL GOVERNO DEVI FARE UNA LEGGE... SPARARLI IN CAMPAGNA PRIMARIE E' POPULISMO … CHI VINCE LE PRIMARIE OGGI PUO' FAR NULLA IN MERITO. E POI I VITALIZI COSTANO NULLA RISPETTO A QUANTO EVADONO I TUOI AMICI FINANZIERI... CON QUELLE EVASIONI SI … POTREMMO SANARE L'ITALIA... CON I VITALIZI SAI CHE RISATE... I POLITICI IN TUTTO COSTANO POCHI MILIARDI DI EURO... L'EVASIONE SUPER I 150 MILIARDI DI EURO L'ANNO... DOVE VAI A COLPIRE RENZI ?

5) Noi abbiamo messo online tutte le spese del Comune di Firenze e del comitato elettorale, comprese le fatture. Loro devono ancora mettere online le fatture del partito e della campagna elettorale.

METTERE ON LINE FATTURE … CHE BISOGNA DIMOSTRARE SIANO VERE... O TUTTO IL RESTO... NON SIGNIFICA FARE CHIAREZZA... SU QUESTA COSINA CI GIOCAVA BRUNETTA... SE MI METTI ON LINE CHE HAI PAGATO UNA BOTTIGLIA DI VINO 300 EURO CON I SOLDI PUBBLICI NON E' CHE STAI TRANQUILLO PERCHE' L'HAI MESSO ON LINE... VOGLIO SAPERE CHI TI HA DATO IL PERMESSO DI SBAFARTI I SOLDI PUBBLICI. ON LINE NON TI SALVI. NON FARE IL FURBASTRO...AD ESEMPIO SE ON LINE CI METTI UNA NOTTE IN ALBERGO 3 MILA EURO... NON E' CHE SPIEGHI QUALCOSA SE METTI LA FATTURA ON LINE... 3 MILA EURO UNA NOTTE IN ALBERGO E' TRUFFA.
6) Noi vogliamo un'Italia che scommetta sulla green economy, sull'abolizione dei sussidi alle solite imprese, sulle piccole manutenzioni. Loro sono i sostenitori delle grandi opere e hanno realizzato una politica industriale che ci ha regalato Sulcis, Ilva, crisi Fiat
DELLE GRANDI OPERE RIMANE IN PIEDI SOLO LA TAV … IL PONTE LO VOLEVA SILVIO ED HA FALLITO. PIUTTOSTO SAREBBE BELLO SAPERE A CHI SONO ANDATI I SOLDI PUBBLICI CHE ABBIAMO PAGATO COME TASSA PER NON AVERLO REALIZZATO. L'ILVA E' STATA SVENDUTA DA TUTTO IL GOVERNO QUINDI COMPRESO IL PD DI CUI FAI PARTE MA ANCHE DALLA DC – DI CUI FACEVA PARTE TUO PADRE RIVERSATASI NELLA PDL. LA FIAT ? NON ERI TE CHE SOSTENEVI IL PROGETTO INESISTENTE DI MARCHIONNE ? MA CHE BALLE RACCONTI ?

7) Noi siamo considerati i berlusconini, loro però si sono dimenticati del conflitto di interessi.

ALTRA BALLA IL CONFLITTO DI INTERESSI D'ALEMA LO PRESENTO' IN PARLAMENTO MA I TUOI BERLUSCONINI OVVIO LO BOCCIARONO... D'ALEMA SOTTOVALUTO' LA FORZA DEL DANARO LO STESSO CHE TI GIRONZOLA DIETRO LE SPALLE RENZI... E QUANTO CON IL DANARO COMPRI PERSONE E IDEE.

8) Noi vogliamo incrociare i dati fiscali con la tecnologia, vogliamo mandare a casa la dichiarazione dei redditi precompilata, semplificare il processo tributario. Loro hanno fatto il decreto che ha dato i poteri a Equitalia, forte coi deboli e debole coi forti: hanno messo le ganasce all'artigiano ma non sono riusciti a colpire l'evasore totale

A DIRE LA VERITA' EQUITALIA L'HA FATTA TREMONTI CHE ERA MINISTRO DELL'ECONOMIA... E COME AL SOLITO C'ERI ANCHE TE AL GOVERNO IN OPPOSIZIONE CON IL PD... NON HAI DETTO NULLA IN QUEL PERIODO ? PERCHE' ERI IL SINDACO DELLA TOSCAGNA COME PADAGNA ? COMUNQUE LE RESPONSABILITA' DEL PD NON SONO NELL'AVER FATTO EQUITALIA MA DI NON AVER FATTO OPPOSIZIONE E C'ERI ANCHE TE QUINDI E' ANCHE TUA LA COLPA... NON SEI MICA CADUTO DAL CIELO. THO... GUARDA C'E' IL PD.

9) Noi siamo stati accusati come amici degli Cayman ma proponiamo l'accordo con la Svizzera. Loro sono quelli dei capitani coraggiosi, delle trattative sulle banche e di Alitalia.

L'ALITALISA SE LA SONO FREGATA – LA POLPA – TUTTI GLI AMICI DI BERLUSCONI... QUELLA TRATTATIVA LA CONCLUSE LUI... CHE C'ENTRA IL PD ? E SAI PERFETTAMENTE CHE SE TI ACCORDI CON LA SVIZZERA I CAPITALI SE NE VANNO E ARRIVANO APPUNTO NELLE CAYMAN DOVE NON SI PAGA NIENTE. OGGI PER SPOSTARE I CAPITALI BASTA UN CLIC DAL COMPUTER. QUINDI SEMMAI PROPONI UN ACCORDO LEGGE DA TRATTARE CON TUTTI I PARADISI FISCALI NON SOLO CON LA SVIZZERA.

10) Noi vogliamo un codice del lavoro con pochi articoli chiari, traducibili in inglese, con il contratto unico a tutele progressive e una sicurezza flessibile. Loro difendono le norme del passato perché devono mediare tra troppe anime diverse per avere un'idea di futuro.

UNA SICUREZZA FLESSIBILE ? RIDICOLA... CIOE' ACCETTARE UN CONTRATTO AD ESEMPIO DA SICILIANO CHE TI SBATTANO A LAVORARE A VENEZIA ? E POI TI MANDANO A MILANO PERCHE' AL PDRUN GLI SEI ANTIPATICO E INTENDE LICENZIRTI ?… E COSI' VIA... E LA CHIAMI SICUREZZA LA FLESSIBILITA' ? … IL CONTRATTO UNICO A TUTELE PROGRESSIVE CHE VUOL DIRE ? FAI IL BRAVO CHE DOPO I 20 ANNI DI LAVORO POTRAI SCIOPERARE ? FUORI DI DESTRA !

11) Noi proponiamo la civil partnership in 100 giorni. Loro hanno avuto 2.547 giorni ma se ne sono dimenticati. O erano indaffarati.


NO … HAI DETTO PIU' VOLTE CHE INTENDI DARE I DIRITTI GAY PER L'ASSISTENZA IN OSPEDALE AL COMPAGNO… IL RESTO SI CHIAMA UNIONI CIVILI E LO SAI... MA I GAY VOGLIONO IL MATRIMONIO NON LA TUA CIVIL PARTNESHIP SCOPIAZZATA A LONDRA PER TENERE BUONO IL VATICANO IN ITALIA.

12) Noi abbiamo messo in squadra più donne che uomini. Loro si limitano a fare dei bellissimi convegni su questo tema.

NON PUOI METTERE NESSUNA DONNA IN SQUADRA PERCHE' NON SEI AL GOVERNO E NELLE TUE FILE COMANDA UN UOMO – GORI – CHE TI DICE AL CELLULARE COSA DEVI DIRE E NON DEVI DIRE... IL RESTO CHE HO VISTO SUL TUO CAMPER … UNA SOLA DONNA...CHE SISTEMA IL CAMPER E STIRA I PANTALONI I TUOI OVVIO. MA NON E' PIU' QUESTIONE DI DONNE E DI UOMINI OGGI SERVE L'INTELLIGENZA CHE PURTROPPO NON HA SESSO.... ALTRIMENTI SI FACEVA SUBITO A DISTINGUERLA.

13) Noi abbiamo dimezzato il numero degli assessori. Loro hanno fatto il Governo dell'Unione con 101 membri.

FARE IL SINDACO E' UNA COSA... TANTO NON CI SEI MAI... STARE AL GOVERNO E' ALTRA COSA... E CI VUOI ANDARE MA NON CON IL PD... QUANDO SARAI AL GOVERNO ...SE TI CI MANDANO... FAI UNA LEGGE PER DIMEZZARE I PARLAMENTARI E VEDRAI SE TI PASSA. ABBIAMO UNA SOLA SCELTA ... IL REFERENDUM. MA ANCHE QUESTO POI VIENE SEMPRE AGGIRATO... VEDI IL FINANZIAMENTO AI PARTITI TRASFORMATO IN RISARCIMENTO.

14) Noi proponiamo per il sud la rivoluzione del merito e della conoscenza, partendo dai fondi europei. Loro sarebbero anche d'accordo, ma poi la rete del potere territoriale è saldamente in mano agli amici degli amici. Che portano voti, ma non cambiano il Mezzogiorno.

IL MEZZOGGIORNO E' COSA COMPLESSA... COMINCIANDO DALLA MAFIA E CAMORRA ...ED E' LA PRIMA VOLTA CHE IL PD VINCE IN SICILIA. POI LA TUA IDEA DI FAR MANTENERE IL SUD D'ITALIA DALL'EUROPA E' PERICOLOSA VISTO CHE IL SUD E' ITALIANO E CHE PRESTO LE NUOVE RISORSE VERRANNO DA ALTRI LUOGHI VICINO L'AFRICA.
15) Noi proponiamo di restituire dignità sociale al maestro, all'insegnante. Loro hanno fatto la riforma Berlinguer, le scuole di specializzazione e si è visto il risultato.
LA RIFORMA BERLINGUER AVEVA CAMBIATO POCO MA ERA PERICOLOSA PERALTRI MOTIVI...PERCHE' DOVEVANO PENSARE CHE SAREBBE FINITA IN MANO ALLA DESTRA FASCISTA. FARE POLITICA SIGNIFICA OSSERVARE LE PROBLEMATICHE PROSPETTIVE. AVRESTI INVECE DOVUTO DIRE QUALCOSA CONTRO QUELLO CHE HANNO COMBINATO GLI ALTRI IN MAGGIORANZA DI DESTRA... O QUALCOSA CONTRO LE PRIVATIZZAZIONI DI CUI TI RIEMPI LA BOCCA... PERCHE' QUESTE SONO IL PROBLEMA ...RACCONTALO AI TUOI MAESTRI E PROFESSORI E VEDIAMO COSA TI DICONO SULLA SCUOLA PRIVATA CHE VUOI IMPOSTARE.

16) Noi vogliamo una Rai libera dai partiti. Loro hanno nominato i direttori nella settimana delle primarie.

ED ECCO COSA SIGNIFICA PRIVATIZZARE CHE E' QUELLO CHE INTENDI... UNA RAI LIBERA DAI PARTITI SIGNIFICA PRIVATIZZARLA... ORA UNA RAI PRIVATIZZATA CI PUO' STARE... MA CHI COME E QUANDO LO VUOI DIRE ? TREMONTI HA PIAZZATO LA POLPA DI ALITALIA AI SUOI AMICI E AGLI AMICI DI BERLUSCONI... TE A CHI VUOI DARE LA RAI ? E PRIVATIZZARLA COME ? ...ABBIAMO VISTO DA SEMPRE - PRIVATIZZARE - NON SIGNIFICA QUALITA'... TUTTO QUELLO CHE E' STATO PRIVATIZZATO IN ITALIA E' FINITO MALE... PERCHE' SIGNIFICA PROFITTO NON QUALITA'.

17) Noi siamo per le autonomie locali basate sui comuni. Loro hanno preferito dare potere alle Regioni con la riforma del titolo V della Costituzione

CHE IL PD C'ENTRI QUALCOSA CON LA COSTITUZIONE ...STUDIARE ALMENO ALMENO STORIA E' COSA NECESSARIA E GIUSTA.

18) Noi siamo portatori di una speranza. Loro vogliono rassicurare chi ha paura

LA SPERANZA IN ITALIA DA SEMPRE HA FATTO DANNI A COMINCIARE DA QUELLA PROFUSA DALLA CHIESA... CONCLUSI ARGOMENTI ? NOI ABBIAMO LA SPERANZA ? ...GUIDARE UN PAESE SERVE UN PROGETTO NON LA SPERANZA.

19) Noi vogliamo mandare a casa chi è stato in Parlamento per quindici anni perché ci siamo dati delle regole. Loro si sono dati delle deroghe.

NON SCOPIAZZARE GRILLO... CHE HA IDEATO LUI LA STORIA DEI TRE MANDATI O FORSE DUE... NUOVE IDEE... NON CI SONO E SAI PERCHE' ? PERCHE' QUELLE CHE HAI DIETRO LE SPALLE... QUELLE DEI POTERI FORTI CHE TI SOSTENGONO NON PUOI DIRLE... E SONO VECCHIE E STRAVECCHIE E LE CONOSCIAMO.

20) Noi se perdiamo saremo leali fino alla fine della campagna elettorale. Loro – dice D'Alema – diranno che è finito il centrosinistra.

DI FATTO D'ALEMA HA RAGIONE... MA SBAGLIA SE PENSA CHE SE VINCE BERSANI CON TE ALL'INTERNO DEL PD IL CENTROSINISTRA ESISTE... LA DESTRA E' PRONTA ...E PER GOVERNARE BISOGNERA' FARE ACCORDI CON CASINI... LA NUOVA DC E' RINATA... UN PEZZO DI SINISTRA L'ALTRA DI DESTRA COME QUANDO C'ERA ALDO MORO DA UNA PARTE E ANDREOTTI DALL'ALTRA. AVETE FREGATO GLI ITALIANI PER 50 ANNI... E COME IDEA DOPO 50 ANNI AVETE SOLO QUELLA... CONTINUARLI A FREGARE. COMUNQUE … PERO' MEGLIO BERSANI CHE LA POLITICA DEI FINANZIERI SOSTENUTI DA RENZI.
I FINANZIERI AL POTERE... DOMANI SVENDEREBBERO TUTTI I BENI PUBBLICI FACENDOLI RICOMPRARE AGLI AMICI BANCHIERI... SOLO UNA POLITICA SERIA PUO' CONTRASTARLI... MA HO PAURA CHE PROPRIA QUESTA SIA ASSENTE DA ALMENO 20 ANNI IN ITALIA.
B.K

Ci siamo persino sentiti dire, dalla colpevole lingua di un presidente del consiglio, che avremmo dovuto farci una ragione del nostro status di “generazione perduta”: ormai è andata. Questo era il succo del vergognoso discorso che Mario Monti ha fatto solo qualche mese fa nel corso di un’intervista a “Sette”

 

In questa cornice, cavalcando e ingoiando, resistendo e lacrimando, siamo arrivati a trenta e più anni.

Sopravvivere a tutto questo restando umani, credetemi, non è cosa facile. Resistere al cinismo, al menefreghismo, alla tentazione dell’individualismo radicale NON È COSA FACILE. Molti di voi – negli anni – questa battaglia l’hanno persa e noi – oggi – paghiamo le conseguenze di quella perdita d’umanità.

Io e molti come me – invece – quella battaglia l’abbiamo vinta.


E abbiamo vinto perché se dopo tutto quanto ci avete mostrato del mondo e di voi stessi – nel bene e nel male – scegliamo di essere ancora ottimisti, significa che non solo abbiamo testa, cuore, capacità ed entusiasmo, ma abbiamo anche una forza d’animo di cui voi – se volete essere degni d’essere chiamati padri e madri – dovreste essere fieri. E farvi da parte. E aiutarci con gentilezza a disinteresse a trovare il nostro posto nel mondo.
Noi siamo eroi. Perché ancora crediamo - dopo tutto quanto ci avete mostrato - alla verità di quel che ci avete insegnato.
Fidatevi di noi.
Sappiamo quello che facciamo.


 (l'intera lettera)

Lettera alle madri e ai padri d'ogni dove

by Anna Coluccino on Saturday, 1 December 2012 at 14:57 ·



 https://www.facebook.com/notes/anna-coluccino/lettera-alle-madri-e-ai-padri-dogni-dove/10151342645982594

giovedì 22 novembre 2012

Prof. Antonio Marfella, tossicologo oncologo del Pascale di Napoli:denuncia apertamente il consiglio regionale campano governato dalla camorra!...a danno del registro tumori regionale!

NON POSSO STARE A GUARDARE PASSIVO ED IMMOBILE! Meglio piangere adesso che sulle tombe dei nostri figli domani! E domani non starò fermo a guardare questa ULTERIORE alleanza stragista!"Photo: Prof. Antonio Marfella, tossicologo oncologo del Pascale di Napoli:
"Sto veramente male. sto piangendo in silenzio. in tutti questi anni non ho mai smesso un secondo di avere speranza e di essere convinto che lo STATO ITALIANO non fosse composto nella sua stragrande maggioranza da corrotti, lobbisti o addirittura eletti dai camorristi. Dopo una battaglia immane di migliaia di cittadini inermi, che, solo con il proprio coraggio e la propria presenza quotidiana sotto alla regione, hanno di fatto imposto alla politica regionale campana la approvazione del registro tumori regionale, la notizia del blocco di questa legge, votata all'unanimita' dai consiglieri regionali campani, mi ha distrutto come medico , come cittadino , come italiano. Ora non ho piu' speranza che ci siano solo alcuni corrotti o camorristi nello Stato Italiano, a tutti i livelli. Ora ho la certezza dimostrata, che, dove non hanno potuto bloccare in periferia, la camorra puo' in qualunque momento bloccare persino nel cuore del governo.
SONO DISTRUTTO! PER ME OGGI E' COME SE FALCONE E BORSELLINO FOSSERO SALTATI IN ARIA UNA SECONDA VOLTA! PER MANTENERE SALDA LA ALLEANZA TRA STATO, INDUSTRIA ITALIANA CHE SVERSA RIFIUTI TOSSICI SENZA CONTROLLO NEL SUD DI ITALIA E LA CAMORRA, NON HANNO ESITATO NEANCHE UN SECONDO A SACRIFICARE 6 MILIONI DI CITTADINI CAMPANI PER CONTINUARE A LUCRARE SULLA NOSTRA SALUTE! NON POSSO STARE A GUARDARE PASSIVO ED IMMOBILE! Meglio piangere adesso che sulle tombe dei nostri figli domani! E domani non starò fermo a guardare questa ULTERIORE alleanza stragista!" 
Prof. Antonio Marfella, tossicologo oncologo del Pascale di Napoli:
"Sto veramente male. sto piangendo in silenzio. in tutti questi anni non ho mai smesso un secondo di avere speranza e di essere convinto che lo STATO ITALIANO non fosse com

posto nella sua stragrande maggioranza da corrotti, lobbisti o addirittura eletti dai camorristi. Dopo una battaglia immane di migliaia di cittadini inermi, che, solo con il proprio coraggio e la propria presenza quotidiana sotto alla regione, hanno di fatto imposto alla politica regionale campana la approvazione del registro tumori regionale, la notizia del blocco di questa legge, votata all'unanimita' dai consiglieri regionali campani, mi ha distrutto come medico , come cittadino , come italiano. Ora non ho piu' speranza che ci siano solo alcuni corrotti o camorristi nello Stato Italiano, a tutti i livelli. Ora ho la certezza dimostrata, che, dove non hanno potuto bloccare in periferia, la camorra puo' in qualunque momento bloccare persino nel cuore del governo.
SONO DISTRUTTO! PER ME OGGI E' COME SE FALCONE E BORSELLINO FOSSERO SALTATI IN ARIA UNA SECONDA VOLTA! PER MANTENERE SALDA LA ALLEANZA TRA STATO, INDUSTRIA ITALIANA CHE SVERSA RIFIUTI TOSSICI SENZA CONTROLLO NEL SUD DI ITALIA E LA CAMORRA, NON HANNO ESITATO NEANCHE UN SECONDO A SACRIFICARE 6 MILIONI DI CITTADINI CAMPANI PER CONTINUARE A LUCRARE SULLA NOSTRA SALUTE! NON POSSO STARE A GUARDARE PASSIVO ED IMMOBILE! Meglio piangere adesso che sulle tombe dei nostri figli domani! E domani non starò fermo a guardare questa ULTERIORE alleanza stragista!"

lunedì 19 novembre 2012

Facebook blocca l'account di Rosa Schiano, unica italiana a Gaza: ''Qui di tregua non c'è traccia''

http://ilblogdioliva.blogspot.it/

Roma, 19 nov. (Adnkronos) - Facebook ha bloccato per 24 ore l'account personale di Rosa Schiano, l'unica italiana rimasta a Gaza City da quando è iniziata l'offensiva isreaeliana contro i palestinesi, per aver diffuso foto di bambini uccisi all'aspedale di Shifa.
E' la stessa Schiano a riferirlo, al telefono con l'Adnkronos: "Ho caricato quelle foto sul mio sito e sulla mia pagina Facebook, ma sono stata bloccata per 24 ore dal social network. Meno male che il mio sito invece funziona". Sito che, si ricorda, è ilblogdioliva.blogspot.it. La situazione, racconta Schiano, non è mutata di un millimetro: "Gli attacchi sono continuati tutta la notte e proseguiti anche la mattina, sono continui. Qui di tregua non c'è traccia - conclude, mentre sta tornando all'ospedale - ci sono stati alcuni feriti nel campo di Jabalia".

Ecco come si difende Israele!

venerdì 16 novembre 2012

Alla sora Cancellieri:come la pensa un generale...a 4 stelle...per i fatti di Roma...Sono da tempo convinto che gli attuali inquilini del Palazzo, quelli precedenti e quelli che vi aspirano sono così inconsapevolmente comici da far apparire Grillo un grande politico.



l'autore del post non è un blogger anarchico ma un Generale dell'esercito, Capo di Stato Maggiore del CASD
COMICI (E) POLITICI

DI PIERO LA PORTA
pierolaporta.it

Oltre le consuete contabilità di feriti e violenze, dopo la manifestazione a Roma dell'altro giorno, si sviluppa un dibattito parallelo fra il ministro dell'Interno, Anna Maria Cancellieri e il comico Beppe Grillo.

Il comico incita gli agenti ad abbandonare la divisa e manifestare con gli studenti. Il ministro esecra: "Sono parole da irresponsabile", con questo assurgendo il comico a leader politico e viceversa. Se c'è infatti un dato incontrovertibile che contraddistingua un politico italiano è proprio l'«irresponsabilità».



Sono da tempo convinto che gli attuali inquilini del Palazzo, quelli precedenti e quelli che vi aspirano sono così inconsapevolmente comici da far apparire Grillo un grande politico.

Il governo ha impoverito l'Italia a vantaggio di potentati stranieri, secondo un disegno costruito proprio da Mario Monti. Il governo precedente ha lasciato entrare gli stranieri in Libia, il paese col quale, pochi mesi prima, aveva sottoscritto un solenne trattato di amicizia e non di meno gli ha poi bombardato le truppe. Quanto più si va indietro nella storia dei governi italiani, è un'ininterrotta sequela di tradimenti dell'interesse nazionale che vanno dalle quote agricole, all'invasione dei supermercati francesi, dai 30 miliardi annui di bolletta energetica, alle crisi finanziarie artefatte e via dissipando. Magari la causa sta nei trattati segreti impostici dopo la 2^ GM, è tuttavia significativo che la dissipazione a vantaggio dello straniero s'accompagni alle crescenti prebende dell'alta burocrazia dello Stato, incurante della condizione del paese. Dopo di che si dà tutta la croce ai politici di professione. Quelli navigati abbozzano e si assicurano il loro pezzo di formaggio; i politici sciocchi al punto da non risultare "irresponsabili" attribuiscono la colpa alla magistratura. Possiamo provare a immaginare per una volta, solo immaginare, una liturgia diversa?
Che cosa avrebbe potuto rispondere la Cancellieri al suo collega Grillo? Sarebbe stata gradita una risposta così:"Il mio dicastero che dissipa miliardi di euro per una sicurezza che non c'è; il mio dicastero che è ridondante di auto blu nonostante gli sbandierati propositi, il mio dicastero, gli stipendi dei cui vertici costano valanghe di milioni ogni mese, questo mio dicastero dimezzerà le spese e offrirà stipendi più dignitosi agli agenti, che vanno in piazza per 20 euro; questo mio dicastero offrirà pure un esempio virtuoso e risorse davvero dedicate alla crescita all'altrettanto dispersivo quanto avido ministero dell'Economia. Anzi, visto che ci siamo, poiché io sono un prefetto, comunque a libro paga dello Stato, ora che faccio il ministro mi limiterò -- invitando gli altri colleghi nelle mie condizioni a seguire il mio esempio -- a prendere in più solo la differenza fra lo stipendio precedente e quello di ministro".

Il ministro forse non sa che fra i violenti dimostranti c'erano ragazzini di 16 anni. Difficile parlare di "professionisti della violenza" in casi come questi, eppure è stato detto così. Attenti, qualcosa è cambiato; fra quei ragazzini c'era qualche figlio di poliziotto che ha problemi a chiudere il mese. Grillo è uno che ha fiuto per gli umori della massa, dovrebbero averlo capito, i nostri comici; o no?
Piero La Porta
Fonte: www.pierolaporta.it
Link: http://www.pierolaporta.it/comici-e-politici/
16.11.2012