martedì 31 agosto 2010

THE GUARDIAN:Berlusconi e Gheddafi fanno insieme affari privati usando il trampolino della carica pubblica.



The Gaddafi-Berlusconi connection

There is more to the two leaders' chumminess than political expediency – the pair have a common business interest


Il Guardian ha raccontato una storia complessa il cui succo in realtà è molto semplice: Berlusconi e Gheddafi fanno insieme affari privati usando il trampolino della carica pubblica. Berlusconi più di Gheddafi, stando al Guardian. E affari privati. Dove? Ovviamente nelle tv.

Eccola, la storia. Già nel 2009 il Guardian riporta la notizia che una società libica, la Lafitrade, ha acquisito il 10% della Quinta Comunication, una compagnia di produzione cinematografica fondata da Tarak Ben Ammar, storico socio di Berlusconi. La Lafitrade, è noto in Libia, è controllata da Lafico , a sua volta società di investimenti della famiglia Gheddafi. Della Quinta Comunication è socia, al 22%, anche una società con sede in Lussemburgo di proprietà di Fininvest, ovvero la finanziaria di Silvio Berlusconi. Fin qui è evidente, secondo quando raccontò il Guardian, che Berlusconi e Gheddafi sono entrambi soci di una stessa azienda di cinema: la Quinta Comunication.

Ma non finisce qui. Perché Quinta Comunication, insieme a Mediaset (azienda televisiva della famiglia Berlusconi) possiedono ciascuna il 25% di una nuova televisione via satellite araba, la Nessma Tv, che opera anche in Libia. Quindi non solo Berlusconi e Gheddafi sono soci della stessa società di cinema, ma proprio grazie a questa società fanno insieme affari in una rete tv proprio lì in Libia. E anche di questo affare non proprio “cristallino” i due potrebbero voler parlare nel prossimo incontro che avranno a breve, quando Gheddafi tornerà in Italia lunedì 30 agosto. Anche perché, osserva il giornalista che firmò all’epoca quello scoop sul Guardian, in un anno tutto è rimasto come prima, nulla si è mosso e nessuno in Italia ha nemmeno fatto un’interrogazione parlamentare.

lunedì 30 agosto 2010

Su tutte le reti MERDADESERT!


In una Roma ancora assopita dalle ferie estive che volgevano al termine, è andato in scena ieri lo spettacolo semiserio della visita di Gheddafi. Non mancava nulla rispetto alla pagliacciata cui il leader libico è abituato. Dal codazzo di amazzoni, alla portentosa auto bianca, la tenda, le centinaia di cavalli, il pubblico di sole donne, pagate per star lì ad ascoltare i vaneggiamenti di chi ieri ha davvero superato se stesso e ogni limite. "L'Islam deve diventare la religione di tutta l'Europa" ha avuto l'ardire di affermare nel cuore più vivo del cattolicesimo, scatenando le reazioni niente di meno che della stessa maggioranza di governo.

tra gli accordi firmati:. L’Italia si impegna alla realizzazione di progetti infrastrutturali di base per 5 miliardi di dollari: un esborso annuale di 250 milioni di dollari per 20 anni, da reperire mediante un’addizionale dell’Ires a carico delle imprese operanti nel settore degli idrocarburi. La previsione del gettito non può essere matematica e dipende dalle condizioni di mercato, senza contare il pericolo di nazionalizzazione delle fonti energetiche già ventilata dalla Libia, a causa della caduta del prezzo del petrolio. L’esecuzione dei lavori verrà affidata ad imprese italiane, con fondi direttamente gestiti dall’Italia. Meno onerose, ma pur sempre a carico dell’Italia, sono talune “iniziative speciali”, come l’assegnazione di borse di studio o un programma di riabilitazione per lo scoppio di mine.

"Siamo la Disneyland di Gheddafi"


In imbarazzo cattolici della maggioranza e leghisti dopo le parole del leader libico a Roma. Duri i finiani. La fondazione Fare Futuro: "L'Italia è diventata la Disneyland di Gheddafi". Protestano le opposizioni. Ma per Berlusconi "è solo folklore".

Lettera di Amnesty International al premier
L'Italia inserisca il tema dei diritti umani nell'agenda dei colloqui con il leader libico Gheddafi. Lo chiede la sezione italiana di Amnesty International in una lettera inviata al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Nella lettera l'organizzazione ricorda la "grave violazione dei diritti umani in Libia". Tra visite ufficiali e incontri riservati La seconda giornata a Roma del leader libico Muammar Gheddafi è iniziata alle 10 con l'arrivo di un altro gruppo di hostess giunte alla residenza dell'ambasciatore libico a bordo di nove pullman. Massimo riserbo invece sugli appuntamenti privati di Gheddafi.

Il primo appuntamento pubblico alle 17, quando Gheddafi sarà insieme al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a una mostra di foto all'Accademia libica dove si terrà un convegno sui rapporti fra i due paesi.

Successivamente i due si recheranno all'evento più atteso di questa quarta visita romana: l'esibizione equestre alla caserma dei Carabinieri "Salvo d'Acquisto". Subito dopo si terrà il ricevimento a cui parteciperanno 800 invitati, principalmente imprenditori ed esponenti del mondo finanziario. Non è da escludere però che l'agenda del colonnello venga modificata all'ultimo momento: neppure le forze dell'ordine infatti sono al corrente dei programmi di Gheddafi, che ha con sé una enorme delegazione.

Sono ben 70 le Mercedes messe a disposizione nella tre giorni romana per esaudire le necessità di trasporto in caso Gheddafi avesse in mente qualcuno dei suoi fuoriprogramma.

Lo ha riferito una delle hostess

"Da noi donne più rispettate che in Occidente"

"In Libia la donna è più rispettata che in Occidente e negli Stati Uniti". E' quanto evidenziato da Gheddafi nel corso della seconda lezione di Corano, oggi, a 200 ragazze. L'Islam "è l'ultima religione: se bisogna credere in una sola fede, deve essere quella di Maometto", ha detto il leader libico, secondo il racconto di una delle hostess.

domenica 29 agosto 2010

16-07-2009: “Ανάπλαση Άλσους Προμπονά”

“Probona Woods to undergo regeneration”












Βρήκαμε την Φαραωνική Μελέτη και συγκρινετε την με την αεροφωτογραφία, πως ηταν ο πράσινος πνευνωνας του ΠΡΟΜΠΟΝΑ πρίν κατασραφή.




Σε έναν υπερτοπικό πνεύμονα πρασίνου και αναψυχής, που θα προσφέρεται για πολλές καθημερινές δραστηριότητες, μετατρέπεται το άλσος Προμπονά, στο 5ο Δημοτικό Διαμέρισμα, όπως προεκλογικά είχε δεσμευτεί ο Δήμαρχος Αθηναίων Νικήτας Κακλαμάνης.

Σε ειδική εκδήλωση που πραγματοποιήθηκε χθες το βράδυ στο πρώην δημοτικό φυτώριο, ο Αντιδήμαρχος Πρασίνου Γιώργος Ξεπαπαδάκος αναφέρθηκε στα έργα και τις παρεμβάσεις ανάπλασης του Δήμου Αθηναίων στην περιοχή, παρουσία του Προέδρου του Διαμερίσματος Βασίλη Γελαδάκη, εκπροσώπων της Διεύθυνσης Κηποτεχνίας και Πρασίνου, συλλόγων και κατοίκων της περιοχής.

"Όλοι είμαστε εδώ για το καλό της Αθήνας" ανέφερε κατά τη διάρκεια της εκδήλωσης ο Αντιδήμαρχος Πρασίνου Γιώργος Ξεπαπαδάκος. "Η ανάπλαση αποτελεί ουσιαστική παρέμβαση και πραγματική ανάγκη για την περιοχή μας. Ξεκινούν οι διαδικασίες για να μετατραπεί ο Προμπονάς σε μια πράσινη γειτονιά και σε πόλο έλξης και αναψυχής για τους κατοίκους της Αθήνας αλλά και όλης της Αττικής.

Στόχος της Δημοτικής Αρχής είναι να αλλάξει το πρόσωπο του 5ου Δημοτικού Διαμερίσματος, αναβιώνοντας την ιστορική μνήμη της περιοχής, η οποία αποτελούσε και παλαιότερα τη λουλουδόπολη της πρωτεύουσάς μας".

Το άλσος Προμπονά, με συνολική έκταση 29 στρεμμάτων, βρίσκεται στο βορειότερο τμήμα του Δήμου Αθηναίων. Από το 1950, όταν κληροδοτήθηκε στο Δήμο, μέχρι σήμερα λειτουργούσε ως δημοτικό φυτώριο.

Σύμφωνα με το σχέδιο ανάπλασης της περιοχής, όπως έχει εκπονήσει ο Δήμος Αθηναίων, ο Προμπονάς μετατρέπεται σε κοινόχρηστο χώρο με λειτουργικό, εκπαιδευτικό, αθλητικό και αισθητικό χαρακτήρα και σε πρότυπο οικολογικό πάρκο αναψυχής και περιβαλλοντικής ευαισθητοποίησης.

Στόχος είναι το πάρκο να προσφέρει σε όλους τους δημότες και επισκέπτες άνετους περιπάτους, ευκαιρίες ανάπαυσης και επαφής με το φυσικό περιβάλλον, δημιουργικής απασχόλησης για τα παιδιά, ενημέρωσης και εκπαίδευσης των πολιτών σε θέματα διαχείρισης φυσικού περιβάλλοντος κα.

Στο πλαίσιο των παρεμβάσεων ανάπλασης του άλσους Προμπονά, μεταξύ άλλων, προβλέπονται:
Φύτευση 5.160 δέντρων και θάμνων
Δημιουργία φυτικού λαβυρίνθου (45x22 τ.μ.) με 1.150 φυτά
Ανεμοφράκτες δένδρων, που διασφαλίζουν την οπτική απομόνωση και τη μείωση της ηχορύπανσης
Ζώνες διαχωρισμού των λειτουργιών/χρήσεων του πάρκου για να διευκολυνθεί η διαχείρισή τους
Νέα σιδερένια περίφραξη, μήκους 700 μ.
Σιντριβάνια και βραχόκηποι
Τεχνητή λίμνη 100 τ.μ
Τοποθέτηση 120 καθιστικών και 50 επιδαπέδιων απορριμματοδοχείων
Δημιουργία σύγχρονης παιδικής χαράς, που να πληρεί όλες τις προδιαγραφές ασφαλείας
Εκσυγχρονισμός του ήδη υπάρχοντος αθλητικού κέντρου
Κατασκευή αντλιοστασίου με στόχο την επαναλειτουργία της υπάρχουσας γεώτρησης
Εγκατάσταση δικτύου αυτόματου ποτίσματος
Τοποθέτηση ειδικών φωτιστικών σωμάτων με βάση τις υπάρχουσες συνθήκες του χώρου

Προτεραιότητα του Δήμου Αθηναίων είναι μετά την ανάπλαση, το πάρκο να περιλαμβάνει και έναν ξεχωριστό ελαιώνα.

venerdì 27 agosto 2010

Ο ΜΙΚΡΟΣ ΕΘΝΙΚΟΣ ΚΗΠΟΣ ...του Νικ. ΚΑΚΛΑΜΑΝΗ

(έλαβα σαν πρώιν, υποψ.δημ.συμβ.του Δημου Αθηναιων το παρακάτω γράμμα ...και ευχαρίστως το δημοσιεύω.)









Προκλήθηκα από τον Δήμαρχο Νικ. ΚΑΚΛΑΜΑΝΗ που τον είδα σε τηλεοπτικό σταθμό να μιλάει για τον μικρό Εθνικό κήπο ….που κατασκευάστηκε στον Δημοτικό χώρο του ΠΡΟΜΠΟΝΑ
Σαν κάτοικος της περιοχής με χαρά πήγα να δώ και να χαρώ την δημιουργία
αυτού του μικρού θαύματος ….και έμεινα χωρίς λόγια ……δείτε πρώτα τις φωτογραφίες και το κόστος του έργου ……και μετά θα σας περιγράψω τις εντυπώσεις μου.

Στον παραπάνω χώρο για πολλά χρόνια ήταν τα φυτώρια του Δήμου.
Με τα λουλούδια γέμιζαν όλους τους δημόσιους κήπους των Αθηνών και πέρα από τους υπαλλήλους και εργάτες που είχαν συνεχή απασχόληση, ο Δήμος είχε και οικονομικά ωφέλει.
Τα φυτώρια ήταν ένας καταπληκτικός χώρος, γεμάτος λουλούδια και γλάστρες με πολύ μεγάλα φυτά ,ήταν ένας ζωντανός δημιουργικός χώρος, που γέμιζε με χαρά, χρώματα , μυρουδιές και διάθεση για ζωή και δημιουργία τον επισκέπτη.(σήμερα οι παραπάνω κήποι είναι ξεραμένοι και δεν μπορούσα να εξηγήσω τον λόγο.)
Μετά από τα 2.471.179,00 εκατομμύρια € ξοδεύτηκαν για τον κήπο που σήμερα εκτός από εγκαταλελειμμένος με ξεραμένα φυτά και εγκληματική και φτηνή διαμόρφωση του χώρου,
Χτίζουν και μία νέα εκκλησία κόστους 1.765.000,00 € σαν να μην έφταναν οι άλλες τρεις εκκλησίες που υπάρχουν στον ίδιο χώρο.

Βέβαια θα ήταν πρόκληση να πω ότι με τα παραπάνω χρήματα θα μπορούσαν να κατασκευαστούν 5-6 παιδικοί σταθμοί, όπου τα παιδάκια θα αυλίζονταν στα φυτώρια ,όπου εκτός από την απ΄ευθείας μάθηση για τα φυτά, θα είχαν την τύχη να μεγαλώνουν σε ένα πράσινο και υγιεινό περιβάλλον.
Η ΄και τρείς πολυκατοικίες των δεκα διαμερισμάτων η κάθε μία........

Εγώ δεν έχω λόγια για το παραπάνω οικονομικό και οικολογικό έγκλημα.
Τώρα εν όψει των δημοτικών εκλογών έχει μήπως κάτι να μας πει η αντιπολίτευση……..


Μετά τιμής
Ελένη Παπανικολάου
Κάτοικος Προμπονά
Αύγουστος 2010



όπως φαίνεται η κατασκευή του κήπου εχει γίνει με ακριβά υλικά !!!





εγκατελημένη υποδομή φυτόρια που προυπήρχε... και σιμερα... αυτόματα συστημα ποτίσματος !!!!!..

mercoledì 25 agosto 2010

lunedì 23 agosto 2010

Angelina Jolie a Sarajevo: un vero messaggio di pace?



Sarajevo - Angelina Jolie giunge all'improvviso in Bosnia nelle vesti di ambasciatrice di buona volontà dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR). Durante il suo incontro con il capo della Presidenza, Haris Silajdzic, Jolie ha discusso dell'Allegato 7 dell'Accordo di Dayton, in relazione alla promozione del ritorno sostenibile. La Jolie si è detta pronta a sostenere l'idea di Silajdzic di fare di Sarajevo e della Bosnia stessa un centro per l'istruzione che possa attirare migliaia di studenti da tutto il mondo. Silajdzic ha offerto la possibilità alla Jolie di poter lavorare insieme con lui e gli altri partner del progetto, che si propone di costruire su nuove basi il futuro delle nuove generazioni in Bosnia.La sua presenza a Sarajevo ha oltre, tuttavia, la missione di pace, perchè motivata dalla promozione del prossimo film ambientato nella guerra in Bosnia (1992-95), che racconterà la storia di una coppia che si incontra alla vigilia della guerra, e come le loro vite resteranno segnate da quel tragico evento. Un'iniziativa questa, protetta dalle vesti e dai simboli ONU, che va oltre il significato politico, perchè ancora una volta va a scavare nel passato e nelle sofferenze della guerra, schierandosi - in maniera più o meno esplicita - dalla parte dei bosniaci-musulmani, dietro la menzogna dell'aggressione della Bosnia da parte della Serbia. E' questa dunque la rinconciliazione che Stati Uniti e UE vogliono costruire nei Balcani? Una pace che si regge sulla manipolazione della storia e l'occultamento dei crimini della Comunità Internazionale?

fonte
http://osservatorioitaliano.org/

sabato 21 agosto 2010

In Europa qualcosa si muove - Appello dei sindacati europei contro le politiche d'austerità


Siate parte attiva della giornata d'azione europea della Ces il 29 settembre 2010, nella grande manifestazione dei sindacati europei a Bruxelles e nelle altre azioni in ogni paese.
Le misure di austerità mettono l'Europa a rischio di recessione e aumento della disoccupazione. Il conto deve essere pagato dalle banche, non dai lavoratori! La crisi finanziaria ha messo l'Europa nella peggiore situazione da noi conosciuta a partire dagli anni 30. 23 milioni di lavoratori in Europa, milioni di cittadini europei resi vulnerabili ed insicuri, con tensioni sociali in crescita quasi dappertutto.
http://www.controlacrisi.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=7407&catid=36&Itemid=68

venerdì 20 agosto 2010

L'INGIUSTIZIA DEL TRIBUNALE DELL'AJA!...sotto inchiesta la Del Ponte!


Balcani » La vergogna della giustizia
Carla del Ponte, ex procuratore del Tribunale Penale Internazionale per la ex Jugoslavia (TPCY) e attuale ambasciatrice svizzera in Argentina, sarà sottoposta ad un'indagine indipendente per le accuse di "violenza ed abuso" nei confronti di alcuni testimoni per estorcere loro delle false dichiarazioni. Verrà così mostrata finalmente la vera “giustizia” del Tribunale dell'Aja e i giochi di potere perpetrati sempre a favore di un'unica verità di comodo per la Comunità Internazionale. Tra le possibili conseguenze, la possibilità che le indagini su Srebrenica ed i massacri in Kosovo siano riviste e riesaminate in una diversa ottica.
Come conferma la portavoce del Tribunale dell'Aja per il quotidiano britannico The Guardian, Cristian Chartier, ben presto sarà interrogata la del Ponte, che dovrà dare spiegazioni in merito alle minacce e ai tentativi di corruzione nei confronti dei testimoni dei processi. Sotto accusa anche Hildegard Ürtz-Retzlaff e Daniel Saxon, individuati come colpevoli di pressioni, abusi, minacce e manipolazione dei testimoni. Questa sarà comunque la prima volta nella storia, dopo 17 anni di Tribunale dell'Aja e poco prima della sua definitiva chiusura, in cui verrà messo in dubbio il lavoro svolto dai procuratori e gli stessi criteri di giustizia.

http://osservatorioitaliano.org/read.php?id=62958

giovedì 12 agosto 2010

5 MILIONI DI NUOVI EUROPEI!Cambia la cittadinanza nei Balcani


La cittadinanza europea alle minoranze nel Sud Est Europeo

Ungheria, Romania e Bulgaria, incaricate da Bruxelles per garantire la sicurezza dei confini orientali dell'UE, hanno concesso la cittadinanza a circa cinque milioni di moldavi, macedoni, serbi, ucraini e turchi, in cambio alla speranza di ottenere vantaggi politici. La forte critica giunge dal quotidiano francese Le Figaro, lanciando così l'allarme che circa cinque milioni di cittadini sell'Est Europeo sono stati o saranno in grado di ottenere legalmente il passaporto europeo.

intero articolo
http://osservatorioitaliano.org/read.php?id=62476

mercoledì 11 agosto 2010

"Duce, Duce" all'arrivo di Berlusconi in aula (Camera, 04.08.2010)

.. Delirio completo al termine degli interventi rigurdanti la mozione di sfiducia a Caliendo. Berlusconi entra in aula tra gli applausi, scambia due parole con Alfano e batte un pugno sul tavolo, come a dire "Siamo salvi". In un'ovazione generale, alcuni gridano "Silvio, Silvio", altri addirittura "Duce, Duce". Berlusconi risponde con un saluto simil-romano. I leghisti pensano bene di iniziare ad inneggiare pure Bossi, che risponderà con un pugno alzato.

Aggiornamento: alcune fonti autorevoli (ad esempio RaiNews24 e molte altre) continuano ad affermare che fossero i pidiellini ad intonare "duce, duce", altre parlano di uno sfottò di Idv e Pd. Il dubbio resta. E ci inquieta.

lunedì 2 agosto 2010

domenica 1 agosto 2010

....TREMONTI ATTACCA VENDOLA....


che paragona la Puglia alla Grecia!

Quello di Tremonti è un sabotaggio politico, economico e sociale nei confronti della Puglia. Paragonarci alla Grecia significa dare, da parte di un ministro dell’economia, indicazioni alle agenzie di rating e dare così un colpo mortale alla Puglia».

Il piano pugliese, poi, non prevede l’aumento delle tasse. Per Vendola si può: «Se Tremonti avesse la pazienza di leggere i numeri, oggi dovrebbe chiedere scusa alla Puglia e dovrebbe rapidamente firmare quel decreto che consentirà a noi di non vederci sottrarre 500 milioni di euro. Sarebbe l’ennesimo scippo».

http://www.nichivendola.it/sito/mcc/informazione/il-boicottaggio-tremontiano.html